Come Coltivare Lo Zafferano a Casa e Averne Una SCORTA INFINITA

Lo zafferano, definito anche “oro rosso”, è una spezia autunnale che non cresce ovunque ed è capace di dare un sapore caratteristico ai cibi.

 

Il suo prezzo non è certamente modico. E’ per questo che coltivarla ed averla sempre a disposizione a casa è un ottimo modo per risparmiare molti soldi. Di seguito ti spieghiamo come coltivare lo zafferano a casa.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂 

  1. Lo zafferano non si coltiva con semi, ma con bulbi. Questo tipo di radice non è facile da trovare. Visita i negozi specializzati, ed informati su dove trovarli.
  2. Una volta ottenuti i bulbi, è l’ora di piantarli. Fallo a fine marzo, quando sta per finire l’inverno. Usa un vaso rettangolare di 10 cm, e pianta i bulbi a 20 cm di distanza fra loro. Assicurati che il vaso stia drenando bene l’acqua, in quanto nonostante l’umidità sia importante per questa pianta, l’eccesso potrebbe ucciderla.
  3. Durante l’estate innaffiala come qualsiasi altra pianta, alternando i giorni e dosando l’acqua. Una volta comparsi i fiori, riduci la frequenza di innaffiamento. Quando ricomincia il freddo, coprila con un plastico.
  4. Quando lo zafferano fiorisce devi rimuovere il pistillo dal fiore. Si tratta del filo rosso che userai per insaporire i pasti. Conserva i pistilli in un barattolo di vetro a temperatura ambiente.
  5. Quando lo zafferano si secca, o cadono le foglie, è giunto il momento di svuotare il vaso e ritirare i bulbi: dovrebbe accadere a giugno. Pianta di nuovo i bulbi, come nel punto 1, e ripeti il ciclo.
Conosci il cibo che ti fa sentire “al massimo” e quello che ti ruba salute ed energia? [ Fai il Test GRATIS ]
Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Commenta

Close